Farro di Monteleone Soffiato al Miele (Triticum Dicoccum) g 250
  • Farro di Monteleone Soffiato al Miele (Triticum Dicoccum) g 250
  • Farro di Monteleone Soffiato al Miele (Triticum Dicoccum) g 250

Farro di Monteleone Soffiato al Miele (Triticum Dicoccum) g 250

INFO

  • - Codice Prodotto: 101
  • Info in breve:
    Il farro soffiato si ottiene per soffiatura dei chicchi. Con la sola aggiunta di zucchero e miele, senza altri additivi, è ideale con latte, yogurt o frutta. Ottimo da sgranocchiare, può essere usato per la preparazione di dolci.
  • - Disponibilità: Disponibile
3,50€
(Iva inclusa)

Qtà
INGREDIENTI: Farro, zucchero, miele.

DESCRIZIONE: Il farro soffiato si ottiene per soffiatura dei chicchi. Con la sola aggiunta di zucchero e miele, senza altri additivi, è ideale con latte, yogurt o frutta. Ottimo da sgranocchiare, può essere usato per la preparazione di dolci. Prodotto senza uso di pesticidi e diserbanti.

Il farro, da cui deriva il nome "farina", è il più antico tipo di frumento coltivato, le sue origini risalgono infatti al periodo neolitico. Anche gli antichi romani erano soliti mangiarlo: in forma di polenta, pane o focaccia, era alla base dell' alimentazione delle legioni romane. Nonostante i costi di produzione maggiori rispetto al grano, la coltivazione del farro è stata rivalutata negli ultimi anni, grazie alle ottime proprietà nutrizionali di questo cereale e alla possibilità di essere un prodotto biologico, non necessitando di sostanze chimiche per la sua produzione.

Rispetto al grano è più digeribile e possiede una minore quantità di glutine. E' inoltre uno dei tipi di frumento meno calorici. Paragonato ad altri cereali, contiene buone quantità di vitamine del gruppo B e proteine.Il farro comprende tre diverse specie del genere Triticum: farro piccolo (Triticum Monococcum), farro medio (Triticum Dicoccum) e farro grande (Triticum Spelta). Il farro medio o farro dicocco, è quello più comunemente coltivato in Italia. Il farro di Monteleone di Spoleto è stato il primo in Europa ad aver ottenuto, nel 2010, il marchio DOP.